Abbassare il colesterolo alto

19/gen/2015

Le statistiche mostrano che il colesterolo alto è un problema che colpisce il 70% delle persone. Il livello alto di colesterolo nel sangue aumenta la probabilità di malattie cardiovascolari, perciò dobbiamo averne cura. Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di mortalità nel mondo.

I principali fattori di rischio includono i livelli di grasso nel sangue, la pressione alta, il diabete, il fumo e lo stress. È difficile dire quale dei fattori è il più importante. Il fatto è che il colesterolo e i trigliceridi nel sangue devono essere mantenuti su un livello normale.

Grassi nel sangue: colesterolo e trigliceridi

Il colesterolo è simile al grasso per quanto riguarda la sostanza e viene assunto soprattutto attraverso alimenti di origine animale. Si trova soprattutto nel fegato. Dal momento che il colesterolo non è solubile nell’acqua, viene trasmesso nel sangue e conservato all’interno nelle particelle specifiche – lipoproteine. Ci sono due tipi di colesterolo – LDL (nocivo) e HDL (utile).

Il colesterolo LDL si accumula sulle pareti vascolari. Il colesterolo HDL ha un ruolo protettivo – aiuta a rimuovere il colesterolo dalle pareti vascolari.

I trigliceridi sono esteri di glicerolo e acidi grassi, simili al colesterolo nel sangue traferito nelle lipoproteine.

Cosa possiamo fare contro il colesterolo alto?

Vedi la dieta per abbassare il colesterolo >>

Possiamo abbassare i livelli di colesterolo con l’esercizio fisico – questo aiuterà ad abbassarlo del circa 5-10%. Ovviamente, in combinazione con una dieta sana è possibile abbassarlo fino al 20%. Per esercizio fisico si intende un’attività fisica aerobica, svolta almeno 3 volte a settimana per almeno 30 minuti.

È importante cambiare lo stile di vita! In particolare dobbiamo stare attenti all’alimentazione e alla regolazione del peso corporeo. Dobbiamo evitare gli alimenti che contengono grassi saturi e carboidrati semplici.

La concentrazione del colesterolo nel sangue può essere abbassata anche con l’aiuto degli integratori alimentari – ad esempio gli acidi grassi Omega3, filosteroli, probiotici e prebiotici.

Gli acidi grassi Omega3 sono tra gli acidi grassi polinsaturi essenziali, in quanto il corpo non è in grado di produrli da solo. In grandi quantità si trovano nel pesce. Gli steroli vegetali sono simili al colesterolo per quanto riguarda la composizione. Nell’intestino competono con il colesterolo e ne riducono la concentrazione. In quantità minori si trovano nei legumi, arachidi, mandorle, olio d’oliva ecc.