Spedizione gratuita sopra i 50€

Il problema maschile - gestire la perdita eccessiva di capelli

14/ago/2014

Quasi ogni uomo soffre di perdita eccessiva di capelli, soprattutto in età avanzata. Molti uomini però, si ritrovano a combattare con la caduta intensa già nel periodo tra i 20 e i 30 anni. Questo fenomeno viene spesso sottovalutato, ma può avere conseguenze soprattutto psicologiche, in quanto influisce sul campo relazionale e sull'approccio maschile all'altro sesso.

Cosa causa la caduta elevata negli uomini?

Le cause possono estendersi dall'alimentazione scarsa (o eccessiva) di vitamine, stress e fumo, fino ai motivi che conseguono la genetica dell'uomo – soprattutto l'azione dell'ormone testosterone e l'ereditarietà.
Il testosterone, l'ormone maschile per eccellenza, riduce la fase di crescita del capello e causa una produzione aumentata del sebo. Il sebo ostruisce i pori e i bulbi piliferi, riducendo le possibilià di crescita sana e normale. Infatti, molte donne in età avanzata, quando i livelli di estrogeni si abbassano, soffrono dello stesso problema.

A quali rimedi si può ricorrere?

Cambiando lo stile di vita, scegliendo cibi ricchi di proteine (come miglio, pollo, uova, frutta secca ecc.), sapere come rilassarsi dopo periodi di stress elevato, ridurre il fumo e proteggere i capelli dai raggi solari e altre fonti termiche, sono i primi passi contro la caduta eccessiva dei capelli.
Si deve però tener conto che ci possono essere altre ragioni mediche che causano questo fenomeno – se si ha il sospetto di soffrire di squilibri ormonali anormali o problemi relativi alla cute, è consigliabile consultare il medico di fiducia.