La nutrizionista consiglia: acidi grassi Omega contro le infiammazioni e l’obesità

Non dimenticarti: consegna GRATIS sopra 50€ di spesa!

La nutrizionista consiglia: acidi grassi Omega contro le infiammazioni e l’obesità

17/gen/2016

Ormai si sa che non tutti i grassi sono cattivi. Anzi, alcuni acidi grassi, come Omega-3 e Omega-6, sono essenziali per il funzionamento del nostro corpo. Soffri di artrite? Hai problemi cardiaci? Noti cali di energia e un improvviso aumento di peso? Si tratta di chiari segni di un’infiammazione dell’organismo.

In una situazione normale e salutare l’infiammazione non crea problemi, ma quando è presente per un periodo più lungo o immotivato, si attivano dei processi che indeboliscono l’organismo, inibidendo la sua capacità di combattere i radicali liberi, lo stress e lo sviluppo di tumori.

La nutrizionista consiglia:

Con la giusta dose di Omega-3 si può intervenire in un modo delicato, semplice e corretto. Questi nutrienti sono quelli che stimolano l’azione antinfiammatoria nel corpo e, di conseguenza, proteggono il cuore, la vista, la memoria e aiutano a prevenire l’obesità.

Ma cosa sono?

Sono acidi grassi polinsaturi derivanti dall’acido alfa-linolenico (Omega-3) e acido-linolenico (Omega-6). Sono contenuti prevalentemente nel pesce, specie sardine e aringhe, ma anche nelle noci e nell’olio di lino.

Perché sono così indispensabili?

Fanno parte delle membrane cellulari e hanno un ruolo importante in molti processi nell’organismo. Hanno un effetto benefico su cuore e circolazione, prevengono il rischio di infarto, riducono il colesterolo e stabilizzano il ritmo cardiaco.

Sono ulteriormente utili contro le infiammazioni provocate dallo stress e da altre cause interne. Gli Omega-3 arrivano in soccorso per tutte le malattie su base infiammatoria, strettamente legate ai tempi “moderni” che si sviluppano soprattutto a causa di una alimentazione sbagliata e la sedentarietà.

Il nostro corpo non può produrli da solo

Queste sostanze non possono essere sintetizzate all’interno dell’organismo, perciò necessitiamo di un apporto esterno.

Le nostre abitudini alimentari, tipiche dei Paesi sviluppati, non garantiscono un apporto sufficiente di acidi grassi Omega. Al contrario: il cibo consumato è più ricco di grassi idrogenati e lipidi saturi, dannosi per l’organismo. Anche se alcuni cibi contengono i grassi “buoni”, sono spesso trattati chimicamente e quindi trasformati in grassi saturi.

Nono solo cuore e cervello, anche la bilancia ne beneficerà

Quando il cervello è “intossicato” dallo stress e dalle infiammazioni, un giusto apporto di acidi grassi Omega riesce a stabilizzare le sue funzioni. Sono inoltre molto utili anche nella condizione di aumento progressivo di peso.

Il ruolo degli Omega nella perdita di peso è specialmente evidente quando i chili di troppo si accumulano a causa di alimentazione scorretta e dall’ansia, dalla depressione e dallo stress. Gli Omega stimolano la lipolisi e l’equilibrio metabolico.