Consegna GRATIS per ordini sopra 50€!

3 miti su calcio, vitamina D e ossa sane

17/gen/2016

Non è mai troppo presto per cominciare a pensare all’osteoporosi, soprattutto quando ci avviciniamo agli “anta”. Ci sono dei fattori di rischio su cui non possiamo influire, ma alcune scelte di vita possono decisamente aiutarci a prevenire malattie, tra cui anche l’osteoporosi.

Mantenersi in forma, fare una dieta sana, esercizio fisico regolare e evitare alcol e fumo sono sicuramente molto importanti per contribuire alla salute delle ossa. Un’altra cosa importante è assumere abbastanza calcio e vitamina D. Tuttavia ci sono molti miti che cirondano questi due elementi e meritano di essere sfatati.

MITO #1: Si dovrebbe prendere il più calcio possibile

C’è una certa dose giornaliera che dovrebbe essere rispettata. Mentre gli adolescenti da 14 a 18 anni di età hanno bisogno fino a 1300 mg di calcio al giorno, gli adulti fino a 40 anni stanno benissimo con 1000 mg. Dopo i 40 anni la necessità aumenta e dovremmo incorporare nella dieta il calcio in forma di supplemento, poiché è praticamente impossibile ottenere la quantità necessaria solo dal cibo.

MITO #2: I latticini sono la fonte migliore di calcio

Tradizionalmente, le persone bevono più latte quando vogliono aumentare l’apporto di calcio. Il latte è una buona fonte di calcio, ma non è assolutamente l’unica e nemmeno la più sana. Anche molte verdure contengono calcio, nonché i frutti di mare, il tofu e i legumi. Siccome non viene sempre assorbito come dovuto e la maggior parte del calcio dal cibo viene eliminata quasi subito , è meglio prenderlo in forma di supplemento da una fonte 100% naturale.

MITO #3: Si può ottenere abbastanza vitamina D dall’esposizione al sole

E’ vero che il nostro corpo ottiene una certa quantità di vitamina D attraverso la pelle grazie ai raggi solari. Tuttavia, esporre la pelle al sole per periodi prolungati può fare più male che bene. Il sole è diventato un pericolo serio negli ultimi decenni e il rischio di ammalarsi di cancro è abbastanza alto. 

La vitamina D ottenuta dalla dieta è molto importante per l’assorbimento del calcio e svolge un ruolo nel controllo della densità ossea, riducendo i rischi dell’osteoporosi.

Ottenere il calcio dagli alimenti è ottimale, ma è ovviamente impossibile garantire la dose giornaliera solo con il cibo. Rivolgersi ad un buon integratore ha senso.

Carenza di calcio

La carenza di calcio è una cosa seria e può causare varie condizioni, caratterizzate da sintomi specifici. Il calo di estrogeni in menopausa impoverisce le riserve minerali nelle ossa e la capacità dell’assorbimento del calcio diminuisce. I sintomi tipici sono insonnia, nervosismo, crampi muscolari, cavità dentali, rachitismo ecc.

E’ fondamentale che il supplemento sia biodisponibile e di facile assorbimento. Perciò consigliamo ALL IN A DAY Calcio + Vitamina D:

  • 100% naturale: si tratta di calcio corallino e vitamina D dai funghi champignon
  • 100% biodisponibile - il corpo lo assorbe con facilità
  • la dose è  di 3 capsule al giorno: facilmente misurabile e adattabile