Alla scoperta dei benefici del cardo mariano per il fegato

Il cardo mariano, una pianta che produce fiori originaria della regione mediterranea, ha guadagnato grande popolarità come potente integratore per la salute. La sua popolarità è dovuta principalmente ai suoi effetti benefici sul fegato. Ma ci sono molti altri promettenti usi e benefici da scoprire. 

Questa guida approfondisce i motivi per cui il cardo mariano è considerato uno dei rimedi naturali più efficaci per la salute del fegato, supportato da usi tradizionali e studi scientifici. Esploreremo anche le altre proprietà che potrebbero essere benefiche e come la scienza moderna abbia fatto passi da gigante per migliorarne la sua biodisponibilità.

Milk thistle capsules

Usi tradizionali del cardo mariano e scienza moderna

Il cardo mariano (Silybum marianum) ha una lunga storia di utilizzo nella medicina tradizionale, che risale a oltre 2.000 anni fa. Le sue applicazioni terapeutiche sono state documentate da diverse civiltà antiche, tra cui i Greci, i Romani e gli Egizi. Questi usi antichi sono alla base della sua reputazione odierna come potente erba che sostiene il fegato.

La medicina degli antichi Greci e Romani

I Greci e i Romani furono tra i primi a riconoscere il valore medicinale del cardo mariano. L'antico medico greco Dioscoride, nella sua opera fondamentale "De Materia Medica", descrisse l'uso dei semi di cardo mariano per trattare i morsi di serpente e vari disturbi legati al fegato.

Anche i Romani utilizzavano il cardo mariano come rimedio per le malattie del fegato, i problemi digestivi e i problemi alla cistifellea. Anche Plinio il Vecchio, un naturalista Romano, ne ha segnalato l'uso nei suoi scritti enciclopedici.

La medicina erboristica europea

Per tutto il Medioevo, il cardo mariano rimase un punto fermo della fitoterapia europea. Veniva comunemente utilizzato per affrontare i disturbi del fegato e della cistifellea, l'itterizia e per promuovere la produzione di bile.

Gli erboristi dell'epoca, come Nicholas Culpeper, ne lodavano la capacità di sostenere il fegato e di trattare condizioni come l'epatite e la cirrosi. Si riteneva che il cardo mariano proteggesse anche dagli effetti nocivi dell'alcol e delle tossine ambientali.

Medicina tradizionale cinese

Nella medicina tradizionale cinese (MTC), il cardo mariano era apprezzato per le sue proprietà depurative. Veniva utilizzato per eliminare il calore e le tossine dal fegato, per supportare la funzione epatica e per migliorare la salute generale. I medici della MTC spesso combinavano il cardo mariano con altre erbe per potenziarne gli effetti terapeutici.

Medicina ayurvedica

Nella medicina ayurvedica, il cardo mariano veniva utilizzato per bilanciare i dosha (forze energetiche) del corpo e migliorare la salute del fegato. Veniva spesso prescritto per le condizioni legate al fegato, tra cui infiammazioni, ingrossamenti e congestioni. Le proprietà rinfrescanti e depurative dell'erba la rendevano adatta al trattamento di vari disturbi legati al calore (pitta).

Medicina popolare

In diverse culture e tradizioni popolari, il cardo mariano veniva utilizzato per una serie di disturbi. Nella medicina popolare europea veniva utilizzato per trattare le condizioni della pelle, come l'eczema e la psoriasi, in virtù delle sue proprietà antinfiammatorie. Veniva anche utilizzato come rimedio naturale per i disturbi mestruali e per favorire l'allattamento nelle madri.

Gli usi tradizionali di oggi

Ancora oggi gli usi tradizionali del cardo mariano continuano a influenzare la sua applicazione nella medicina naturale e olistica. È ampiamente utilizzato per favorire la disintossicazione del fegato, migliorare la digestione e promuovere la salute generale. La reputazione storica dell'erba come tonico del fegato rimane il suo attributo più importante, supportato sia da prove aneddotiche che da ricerche scientifiche.

Cardo mariano e fegato

Validità scientifica dell'efficacia del cardo mariano

Gli usi tradizionali del cardo mariano, in particolare per la salute del fegato, sono stati ampiamente convalidati dalla moderna ricerca scientifica. Il composto attivo del cardo mariano, noto come silimarina, è costituito da un gruppo di flavonoidi, tra cui silibina, isosilibina, silidianina e silicristina. Questi composti sono gli artefici principali degli effetti terapeutici della pianta.

Proprietà epatoprotettive del cardo mariano

Uno dei benefici più documentati del cardo mariano sono le sue proprietà epatoprotettive. È stato dimostrato che la silimarina protegge le cellule epatiche dai danni causati da tossine, alcol e farmaci. Lo fa stabilizzando le membrane cellulari, impedendo l'ingresso delle tossine e migliorando la capacità rigenerativa delle cellule epatiche.

  • Stabilizzazione della membrana cellulare: la silimarina aiuta a rafforzare le membrane esterne delle cellule epatiche, rendendo più difficile la penetrazione delle tossine e la produzione di danni.
  • Attività antiossidante: la silimarina è un potente antiossidante che neutralizza i radicali liberi, riducendo lo stress ossidativo e prevenendo i danni cellulari. Alcuni studi hanno dimostrato che la silimarina aumenta fino al 35% i livelli di glutatione nel fegato, fondamentale per i processi di disintossicazione.

Studi e ricerche cliniche

Numerosi studi clinici hanno analizzato gli effetti del cardo mariano sul fegato. Questi studi forniscono una forte evidenza della sua efficacia nel trattamento di diverse patologie epatiche.

  • Malattie del fegato: uno studio pubblicato sulla rivista Hepatology ha rilevato che la silimarina ha migliorato significativamente la funzionalità epatica in pazienti con malattie croniche del fegato, tra cui cirrosi ed epatite. I pazienti trattati con la silimarina hanno mostrato una riduzione dei livelli di enzimi epatici, il che indica una minore infiammazione e danno epatico.
  • Danni epatici legati all'alcol: una ricerca pubblicata su The American Journal of Medicine ha dimostrato che il cardo mariano potrebbe ridurre il rischio di danni al fegato nei soggetti con malattie epatiche legate all'alcol. I partecipanti che hanno assunto silimarina hanno mostrato una diminuzione dei marcatori di danno epatico e un miglioramento nei test di funzionalità epatica.
  • Steatosi epatica non alcolica: uno studio pubblicato sul Journal of Clinical Gastroenterology ha rilevato che la silimarina, combinata con la vitamina E e i fosfolipidi, ha migliorato i livelli degli enzimi epatici e la resistenza all'insulina nei pazienti con steatosi epatica non alcolica.

Stimolazione della rigenerazione del fegato

Una delle proprietà uniche della silimarina è la sua capacità di promuovere la rigenerazione del fegato. Le ricerche hanno dimostrato che la silimarina può stimolare la produzione di nuove cellule epatiche, favorendo la riparazione e la rigenerazione del tessuto epatico danneggiato.

Uno studio pubblicato su Phytotherapy Research ha dimostrato che la silimarina migliora la rigenerazione del fegato nei ratti dopo un'epatectomia parziale (rimozione chirurgica di una parte del fegato). Questo effetto rigenerativo è fondamentale per i pazienti affetti da malattie epatiche in cui la capacità di rigenerazione del fegato è compromessa.

Effetti antinfiammatori e immunomodulanti  

Oltre alle sue proprietà antiossidanti, la silimarina ha potenti effetti antinfiammatori. Inibisce la produzione di citochine infiammatorie, che svolgono un ruolo importante nelle malattie croniche del fegato. 

Riducendo l'infiammazione, il cardo mariano aiuta a proteggere il fegato da ulteriori danni e favorisce il suo processo di guarigione.

È stato dimostrato che la silimarina regola il sistema immunitario, migliorando la capacità dell'organismo di combattere le infezioni e di riparare i tessuti danneggiati. Questo è particolarmente vantaggioso per condizioni come l'epatite, in cui il sistema immunitario gioca un ruolo cruciale nella progressione della malattia e nella guarigione.

Ricerca sul cancro

Ricerche emergenti suggeriscono che il cardo mariano potrebbe avere potenziali proprietà anti-cancro. Studi di laboratorio hanno dimostrato che la silimarina può inibire la crescita delle cellule tumorali e indurre l'apoptosi (morte cellulare programmata) in alcuni tipi di cancro, tra cui quello alla prostata, al seno e della pelle.

Si ritiene che gli effetti antitumorali della silimarina derivino dalla sua capacità di indurre l'arresto del ciclo cellulare, di inibire l'angiogenesi (formazione di nuovi vasi sanguigni che alimentano i tumori) e di migliorare l'efficacia dei farmaci chemioterapici. Anche se saranno necessarie ulteriori ricerche, questi risultati evidenziano il potenziale del cardo mariano come terapia complementare nel trattamento del cancro.

Malattia epatica

Sicurezza e tollerabilità

Il cardo mariano è generalmente ben tollerato, con una bassa incidenza di effetti collaterali. Gli effetti collaterali più comuni, se si verificano, sono lievi e possono includere disturbi gastrointestinali come nausea, diarrea e gonfiore. 

Anche se in maggior numero di casi una breve cura di cardo mariano per il fegato viene fatta due o tre volte all'anno, gli studi clinici hanno dimostrato che il cardo mariano è sicuro per l'uso a lungo termine, anche a dosi giornaliere elevate.

Consigli per il dosaggio

Il cardo mariano è disponibile in varie forme, tra cui capsule, compresse, tinture e tè. La forma più efficace è in genere l'estratto standardizzato contenente il 70-80% di silimarina.

Il dosaggio comune per il supporto del fegato è di 200-400 mg di estratto standardizzato di cardo mariano, da assumere due o tre volte al giorno. Ma i dosaggi possono variare in base alle condizioni di salute di ciascuno e vanno stabiliti in consultazione con un operatore sanitario. 

Fiore di cardo mariano

Un punto critico del cardo mariano per il fegato: la sfida della biodisponibilità 

Uno dei problemi principali del cardo mariano per il fegato è la scarsa biodisponibilità della silimarina. Ciò significa che solo una piccola parte del principio attivo viene assorbita e utilizzata dall'organismo, limitandone l'efficacia.

La soluzione scientifica: La tecnologia dei fitosomi

Per risolvere questo problema, gli scienziati hanno sviluppato il complesso silibina-fosfatidilcolina, noto anche come tecnologia dei fitosomi.

Questo complesso migliora in modo significativo l'assorbimento e la biodisponibilità della silimarina, garantendo che una quantità maggiore raggiunga il fegato ed eserciti i suoi effetti benefici.

Infatti, l'estratto di cardo mariano in forma di fitosoma è 10 volte più biodisponibile e, quindi, più efficace rispetto al normale estratto standardizzato.

Presentiamo il pacchetto Hepafar per la depurazione del fegato  

Nella frenesia della vita moderna, mantenere il fegato in salute può essere difficile. Per fortuna gli integratori naturali di cardo mariano possono offrire un potente mezzo per favorire la depurazione del fegato e migliorarne la funzionalità.

Effettuare una breve depurazione del fegato due volte all'anno aiuta a mantenere il fegato in condizioni ottimali, mentre un programma di disintossicazione epatica più lungo può essere utile per chi ha valori epatici anomali. Scopri la nostra guida per capire i motivi e i tempi di una disintossicazione epatica.

Il pacchetto Hepafar Protezione fegato utilizza la potenza dell'estratto di cardo mariano in forma di fitosoma, oltre ad altri ingredienti disupporto al fegato che sostengono e rafforzano i suoi effetti, tra quali il tarassaco, il carciofo, lo zenzero, la radice di bardana, il tè verde, il pepe nero e le vitamine e i minerali come la colina, il selenio, lo zinco e la vitamina E.

Il cardo mariano è uno dei rimedi naturali più efficaci per la salute del fegato. I suoi benefici si estendono oltre il fegato, agendo sulla cistifellea, sull'intestino, sul sistema immunitario, sulla pelle, sulle ossa, sulle funzioni cerebrali e molto altro ancora. 

La migliorata biodisponibilità della silimarina, ottenuta grazie alla moderna tecnologia dei fitosomi, estende ulteriormente il suo potenziale terapeutico. In questo modo il cardo mariano diventa un componente indispensabile degli integratori per la salute del fegato come il pacchetto Hepafar per la disintossicazione del fegato.

Riferimenti

Tedesco, D., et al. (2004). “Effects of silymarin, a natural hepatoprotector, in periparturient dairy cows.” Journal of Dairy Science, 87(7), 2239-2247. 

Loguercio, C., & Festi, D. (2011). “Silybin and the liver: from basic research to clinical practice.” World Journal of Gastroenterology, 17(18), 2288-2301. 

Pradhan, S. C., & Girish, C. (2006). “Hepatoprotective herbal drug, silymarin from experimental pharmacology to clinical medicine.” Indian Journal of Medical Research, 124(5), 491-504. 

Federico, A., et al. (2017). “A new silybin-vitamin E-phospholipid complex improves insulin resistance and liver damage in patients with NAFLD.” Journal of Gastroenterology, 52(9), 955-962. 

Prodotti per te

DETOX / FEGATO
-53%
Prezzo speciale 35,99 € Prezzo di listino 75,99 €
Guarda il prodotto

Potrebbero interessarti