Spedizione gratuita sopra i 50€

La confessione di Sasha: mi sentivo una grossa palla di grasso, ho perso 10 chili e la mia vita è cambiata

16/dic/2014

Leggi la confessione di Sasha, ragazza di 28 anni, che ha combattuto con il proprio corpo. La sua storia ci ispira e speriamo che ispirerà anche te!

Lo stress ...

La “malattia moderna” più diffusa ha avuto un impatto forte sulla mia vita, sia dal lato fisico sia da quello psicologico. Spesso dimenticavo di mangiare. A prima vista potrebbe sembrare una cosa buona – chi non vorrebbe perdere qualche chilo? A me però è capitato di dimagrire troppo, perciò ho dovuto combattere anche con il ciclo irregolare, ipertensione e insonnia.

La mia “soluzione” è stata del tutto irrazionale: ho mangiato e mangiato e mangiato. Pensavo che in questo modo avrei regolato il metabolismo. Ero sicura che così sarei stata più felice, più tranquilla e che la vita sarebbe stata più facile! Così ho iniziato a mangiare un'enorme quantità di carboidrati al giorno – soprattutto dolci e pane, ho anche combinato i piatti con salse, paté e una tonnellata di cioccolato – il peccato indispensabile per una studentessa.

"Non ero per niente attiva ..."

In quel periodo non ero assolutamente attiva. Lavoravo in ufficio per 8 ore al giorno, il tempo libero era dedicato tassativamente al computer, poiché cercavo rigorosamente di finire la tesi di laurea. Mi alzavo dalla sedia solo per fare le cose necessarie. Mangiavo dei toast fatti in casa – questi si sono rivelati una soluzione semplice, veloce e soprattutto economica.

In pochi mesi mi sono ritrovata con ben 10 chili in più. Non mi sentivo per niente bene – non solo non mi piacevo, ma non entravo nemmeno in nessuno dei miei vestiti! Non avevo soldi per cambiare tutto il guardaroba e ancora meno soldi per poter cambiare lo stile di vita. Oltre tutto, i livelli di energia che una volta avevo si sono radicalmente abbassati – ogni movimento era una via crucis. Ero molto tesa, irritata, completamente insoddisfatta dalla mia figura e dal modo di vivere in cui mi ero ritrovata.

Tutti mi dicevano che sembravo finalmente “in forma” con un “peso sano”, ma io, rivedendomi spesso nello specchio, non riuscivo a vedere una ragazza sana, poiché sapevo benissimo che non lo ero. All’inizio mi sono posta una domanda (ora del tutto insignificante): continuare con questa vita, accettare i miei tantissimi chili in più e spendere soldi per cambiare il guardaroba, o trovare il modo per liberarmi del peso in eccesso con una dieta e riavere l’energia di cui avevo assolutamente bisogno. Finalmente mi sono resa conto che:

"Se c’è qualcosa di cui devi sbarazzarti per sentirti meglio, allora la soluzione migliore è di sbarazzartene al più presto."

La vita diventa sempre più semplice.

Mi sono ricordata dei tempi quando ero più attiva, più energica e soprattutto, con meno chili. Sapevo quale dovrebbe essere il mio peso ideale e non calcolavo mai il peso corporeo idoneo con le formule che si trovano su internet, nemmeno ascoltavo i suggerimenti degli amici e dei famigliari. Nei loro occhi ero completamente in salute, anche se ero sovrappeso. Ma io mi sentivo una grossa palla di grasso. Infatti, con le abbuffate sempre più spesse di cibo malsano, sono riuscita a ingrassare di 10 chili.

Quindi ho voltato pagina. Ho iniziato di nuovo a vivere come facevo prima del lavoro sedentario e della tesi di laurea. Ho cominciato a camminare almeno per 2 ore al giorno. Sapevo che 2 ore di camminata erano tante (di solito consigliano 30 minuti di attività al giorno), ma le camminate lunghe mi rilassavano e erano fantastiche per i muscoli delle gambe e dell’addome.

"Ho rinunciato al cioccolato"

... e agli altri zuccheri. Volevo ridurre la quantità di tutto il cibo malsano, ma, naturalmente, non volevo rinunciare proprio a tutto ciò che mi piace. Così mi permettevo (una o due volte a settimana) le crepes con Nutella o marmellata, ma non ne mangiavo 10, come prima, ma solo 3 o 4. Inoltre, ho aggiunto molta più verdura alla mia alimentazione (zucchine, peperoni, pomodori e insalata verde). Dopo un mese mi sentivo già molto meglio. Poi mi sono posta un altro obiettivo: non mangiare dopo le 18! Perché? Perché a quell’ora ero già a casa e quindi meno attiva.

Dopo essermi finalmente laureata, ho avuto più ragioni per festeggiare e vedermi con gli amici – andavo sempre a piedi a tutti gli eventi in città. Non mi toglievo la gioia di bere qualche bicchiere di alcool di tanto in tanto – sapevo che questo comporta delle calorie in più, ma siccome ero un po’ più attiva, non mi disturbava più di tanto. Ascoltavo finalmente il mio corpo e sapevo che delle soluzioni radicali non potevano essere quelle giuste.

In 5 mesi sono riuscita a perdere quei 10 chili che mi avevano avvelenato la vita. Ho raggiunto di nuovo il mio peso ideale. Sono diventata più estroversa, più felice e ho potuto focalizzarmi sulle cose importanti e, soprattutto, potevo finalmente mettere i miei vestiti preferiti!

Nel mare di diete che mi circondavano, sono contenta di aver scelto di ascoltare il mio corpo e di aver fatto ciò che sentivo giusto, cioè mangiare sano e fare attività fisica. Adesso ho un’alimentazione regolare: mangio sano, pesce, verdura, latticini e frutta secca. Il mio dolce preferito sono le mele al forno con un po’ di mandorle e miele. Combino la verdura con un po’ di riso, spaghetti o patate lesse. Cerco di muovermi quando posso, faccio ancora le mie camminate diurne e mi sento al top. Spero di poter continuare così, anche se dopo i 30 il metabolismo femminile si rallenta un bel po’. Cercherò di compensare con porzioni più piccole e un po’ di movimento in più!

Come ti aiutiamo da Sensilab?

Con l'aiuto di persone come Sasha, abbiamo creato il pacchetto del tutto naturale: 30 Days Slim. E' un programma completo per aiutarti a perdere peso in modo sano e efficace, senza troppe rinunce e con l'aiuto degli esperti!

In più, ti facciamo un regalo! Con ogni confezione di 30 Days Slim ricevi WaterLost in regalo. Ti aiuterà a liberarti dall'acqua in eccesso!

Hai qualche domanda o messaggio per Sasha?

Scrivicelo su info@sensilab.it!