Costipazione, gonfiore, gas e sovrappeso? Occhio ai germi “accumulatori”

30/giu/2016

La salute passa dall’intestino: ormai sappiamo che questa parte dell’apparato digerente e la sua microflora possono essere fonte di tante complicazioni, malessere, sovrappeso e malattie gravi. Se siamo inclini all’indigestione, costipazione, gas, diarrea o crampi addominali, dobbiamo dare uno sguardo a ciò che mangiamo e cominciare a risolvere i problemi prima che sia troppo tardi.

Occhio alla dieta – la restrizione calorica influisce sulla salute dell’intestino

Ti sei messa a dieta? Brava! Ma occhio alla restrizione calorica e al tipo di cibo – una dieta sbilanciata può compromettere la salute dell’intestino.

Un regime alimentare sbilanciato può causare l’aumento di batteri che ingrassano e provocano altri disturbi. Vengono chiamati anche germi “accumulatori”: contribuiscono all’assimilazione di lipidi e alla resistenza insulinica e rallentano il metabolismo. Questi germi influiscono sulla produzione di neurotrasmettitori che regolano la sensazione di sazietà, perciò ci fanno anche mangiare di più.

Se noti dei sintomi sospetti, come indigestione, gas, diarrea o crampi, può darsi che si tratti di uno squilibrio intestinale. Che però puoi curare a casa con integratori alimentari specifici.

Cos’è l’acido butirrico e perché è così importante (e aiuta più dei probiotici)

Il nostro intestino contiene circa 400-500 specie di batteri, neuroni, le cellule del sistema immunitario, le cellule della mucosa e i nutrienti ingeriti – i fattori che influiscono sulla salute di questo organo importante sono quindi tanti.

L’acido butirrico è un acido grasso saturo che si trova in tracce nel latte di donna, ma il burro e i latticcini in generale ne abbondano. La sua presenza nell’intestino è molto importante: rappresenta una fonte di energia per le cellule della mucosa, inibisce la riproduzione delle cellule cancerose e quindi facilita l’assorbimento selettivo dei nutrienti utili.

Se l’alimentazione è sbilanciata, siamo a dieta ipocalorica o lo stress non ci da tregua, la produzione dell’acido butirrico è seriamente a rischio, fino al punto di provocare ulteriori complicazioni:

  • Gas,
  • Costipazione,
  • Diarrea,
  • Gonfiore addominale,
  • Irritazioni al colon,
  • Indigestione,
  • Acido allo stomaco ecc.

Butifar – l’acido butirrico nella sua forma migliore

Il segreto del successo di Butifar, capsule che contengono una forma innovativa dell’acido butirrico, sta nell’involucro. L’involucro di queste capsule regola il rilascio dell’acido lungo tutto l’intestino e aiuta a ripristinare il funzionamento normale dell’intestino.

Quando l’equilibrio intestinale è alterato, si verificano diversi sintomi che possono aumentare i rischi di sviluppo di malattie più gravi, specialmente perché le difese immunitarie dipendono fortemente dall’apparato digerente.

Butifar è quindi la soluzione ideale nei casi di disturbi intestinali:

  • Diarrea,
  • Costipazione,
  • Malattia di Crohn,
  • Gas,
  • Gonfiore addominale,
  • Sovrappeso ecc.

Butifar – bastano 2 capsule al giorno

“Dopo aver preso probiotici per anni, mi hanno finalmente consigliato Butifar. Già dopo un paio di giorno mi sono sentita decisamente meglio. La digestione si è regolata e io mi sento molto meglio, perciò continuerò a prendere Butifar.” Maja